Pravda.ru

Dal mondo

Nancy Pelosi: un trionfo italo-americano

13.11.2006
 
Nancy Pelosi: un trionfo italo-americano

Un momento storico per le donne americane, forse ancor più per la numerosissima comunità (femminile e non) italo-americana. Con la vittoria dei democratici alla Camera nelle elezioni di medio termine, la deputata di origine italiana Nancy Pelosi è destinata ad entrare nella storia come la prima donna Speaker della "House of Rapresentatives".

Un risultato, quindi, assolutamente di primo piano, che, nonostante le speranze, ha colto Nancy Pelosi quasi alla sprovvista ("Non ci posso credere", continuava a ripetere al marito quando le è stata comunicata la vittoria, tra l'altro ottenuta con un plebiscito quasi popolare, visto che a lei è andato l'80% dei voti). Ma che l'ha vista subito "tirarsi su le maniche": "Questa – ha infatti affermato – è una grande vittoria per il popolo americano. Oggi si è votato per il cambiamento, ed è stato affidato ai Democratici l'incarico di guidare il Paese verso una nuova direzione".

Per Nancy Pelosi, il Paese deve quindi essere guidato verso una "nuova direzione" in ambito sociale come in quello economico, ma soprattutto per quanto riguarda la guerra in Iraq. "Questa notte – ha affermato ancora la Speaker italo-americana – gli Americani hanno creduto in noi, e hanno riposto in noi le loro speranze e aspirazioni, per loro stessi, per le loro famiglie, per il loro futuro. E noi siamo onorati di questa fiducia, e siamo pronti a governare. Questa notte abbiamo fatto la storia; ora ci avviamo a fare il progresso".

Sessantasei anni, Nancy Patricia D'Alessandro Pelosi può essere considerata a buon diritto "figlia d'arte": il padre, Thomas II D'Alessandro, è infatti stato per 10 anni deputato nel Congresso del Maryland, per poi ricoprire per 12 anni la carica di sindaco di Baltimora, città natale di Nancy – carica tra l'altro ricoperta anche dal fratello, Thomas III. La sua carriera politica è però iniziata solo 19 anni fa, a 49 anni, quando, dopo avere cresciuto i cinque figli, ha deciso di candidarsi per i Democratici, ottenendo nel 1987 la vittoria per San Francisco (California).

Nel 2002 il "grande salto", con la nomina a Leader per i Democratici alla House of Representatives : primo grande successo che l'ha portata, oggi, ad entrare nella storia americana.

| Ancora
2660