Pravda.ru

Societa' » Vere storie di vita

Il primo miliardario dell'URSS ha perso 200 milioni di dollari e adesso vive in un paesino dimenticato da Dio

17.01.2006
 
Pagine: 12

Un pastore tedesco caucasico chiamato Alisa custodisce la casa. Quando Sterligov apri' la sua borsa valori all'inizio degli anni '90, aveva un altro cane della stessa razza anch'esso chiamato Alisa. Il cane fece la sua apparizione in spot televisivi che reclamizzavano a tutta forza la borsa valori di Sterligov. L'idea fece Sterligov incredibilmente ricco alla giovane eta' di 23 anni.

Quando la borsa valori divenne sufficentemente stabile, Sterligov decise di aprire il reparto di crediti. "Avevamo una stanza ricolma di valigie piene di denaro, dal pavimento al soffitto. I giovani Gusinskji e Khadarkovskji erano soliti a prendere denaro in prestito dal reparto crediti" dice Guerman che, in questo modo, si e' arricchito in un battibaleno. Le aziende entrarono immediatamente in contatto con la prima ed unica borsa valori in Russia.

3

Assieme all'altro milionario russo, Artiom Tarasov, che presto' a Sterligov del denaro al fine di aiutarlo ad iniziare l'attivita', Guerman fu invitato all'annuale meeting annuale dei milionari. A quell'epoca, il capitale di Guerman ammontava a 200 milioni di dollari, niente a confronto delle ricchezze di Rockfeller, Rothschild e Bill Gates. Malgrado cio', Guerman era incredibilmente felice di essere ammesso alla compagnia dei ricchi. Una volta, nel corso di una telefonata alla banca, Sterlingov venne a sapere che il suo capitale era in procinto di essere trasferito ad alcuni banche svizzere. Oggi Guerman confessa che trascurava i rapporti con la ragioneria della banca, il che diede a qualcuno una splendida opportunita' di rubargli tutto.

Invitare l'elite finanziaria alle feste di compleanno dei presidenti e' una cosa tradizionale. Sterligov fu invitato a partecipare alla festa di compleanno del primo presidente dell'Unione Sovietica Mihail Gorbaciov, vestendosi in stile casual. Pur senza regalo per il presidente, egli stava in fila con altri ospiti prestigiosi per porger gli auguri di compleanno a Gorbaciov.

Una volta Sterligov fu invitato alla festa di compleanno in onore in Boris Yeltsin. Si presento' alla festa accompagnato da altri ospiti prestigiosi. Per Sterligov, la festa fini' con uno scandalo, dal momento che insulto' uno degli ospiti accusandolo di omosessualita'. Le guadrie del corpo costrinsero Sterligov ad abbandonare la festa.

Durante i suoi primi anni di ricchezza, Sterligov amava spendere a destra e manca. Quando la primogenita compi' il suo primo anno di eta', il felice padre ricopri' letteralmente la villa di meravigliose rose. Ricompensava le impegate della sua banca con pellicce di visone. Acquisto' un castello in Normandia senza mai visitarlo dopo averlo comprato. Inoltre Sterligov ingaggio' 2000 guardie del corpo provenienti dai reparti speciali. Adorava giocare a dadi. Una volta, dopo aver perso una somma considerevole in Inghilterra, si arrabbio' fino al punto di acquistare il casino' in blocco.

4

Guerman Sterligov ammette che il suo business era praticamente una rapina nei confronti dell'Unione Sovietica. L'indipendenza di business da parte del governo era uno dei modi per evadere le tasse. La compagnia di Sterligov dichiarava apertamente la propria indipendenza dal governo grazie a spot pubblicitari televisivi. I servizi segreti russi (FSB) pretesero allora da Sterligov la firma di un documento secondo il quale l'acclamata dichiarazione di indipendenza nei confronti del governo non fosse altro che uno scherzo di cattivo gusto. Ma Sterligov si rifiuto'. Le autorita' fiscali erano in perdita: la compagnia non pagava alcuna tassa al governo, dal momento che la borsa valori Alisa registrava tutte le proprie transazioni sul conto corrente "aliska". Non esisteva nessuna legislazione relativa a tassazioni di trasferimenti condotti in quel modo! A Sterligov non bastava piu' occuparsi di business: voleva giungere al potere. Voleva diventare il presidente della Russia. Nell'arco di breve tempo, Sterligov intesto' alcune filiali della sua compagnia a nome dei suoi comproprietari regionali. Possedeva denaro a sufficenza su diversi conti bancari per lanciare la propria campagna preelettorale.

Verso la fine degli anni '90, Guerman Sterligov si fece promotore di uno spot pubblicitario televisivo che reclamizzava una compagnia produttrice di casse da morto, il che causo' profondo sdegno nei confronti della popolazione. Il businessman sosteneva che la sua compagnia ne' produceva ne' vendeva casse da morto. Lo spot in questione non rappresentava altro che un'azione pubblicitaria grazie alla quale la gente avrebbe conosciuto e parlato di Guerman Sterligov.

Guerman Sterligov voleva inoltre concorrere alla presidenza della regione di Krasnojarsk.

Per restare in tema, Sterligov prendeva parte a tutti gli avvenimenti all'epoca di attuale importanza. Quando scoppio' la guerra in Iraq, Sterligov invio' un appello scritto all'ambasciata degli Stati Uniti proponendo di acquistare una partita di casse da morto per i soldati americani caduti presso la sua compagnia illegale. Dice che anche l'allora presidente Bush fu informato della sua scandalosa offerta.

Il tentativo da parte di Sterligov di diventare presidente falli' poiche' i suoi documenti di registrazione erano privi della certificazione notariale. Tuttavia Sterligov e' sicuro che, se fosse diventato presidente, nel giro di un paio di mesi avrebbe riportato l'ordine in Russia, abolendo scuole, chiese ed aborti. Il businessman investi' tutti i suoi averi nella campagna preelettorale, incorrendo cosi' in un  grosso debito . Una volta fallita la corsa alle presidenziali, Sterligov fu costretto a vendere la propria villa per coprire i debiti, giungendo alla conclusione che sia il business che la politica non sono altro che invenzioni insignificanti che per lui non hanno piu' nessuna importanza. Allora decise di cambiare radicalmente il proprio modo di vivere, trasferendosi in campagna con la famiglia sicuro che avrebbero condotto una vita migliore.

Pagine: 12
| Ancora
6257