Pravda.ru

Societa' » Spettacolo e sport

E Lei chi e' signor Hiddink?

04.03.2006
 
E Lei chi e' signor Hiddink?

Il fatto che il prossimo allenatore della nazionale di calcio russa sara' il famoso specialista olandese Guus Hiddink, non rappresenta piu' ormai da tempo il segreto di Pulcinella. Mentre che il presidente della Federazione di calcio russa Vitalij Mutko si irrita ed ufficialmente non comunica nulla, da tutte le fonti possibili, compresa quella della Federcalcio nazionale, viene confermata l'informazione relativa al contratto praticamente gia' firmato da Hiddink. Tutto cio' non viene ancora ufficializzato solamente perche' Hiddink, attualmente, oltre alla grande del calcio olandese PSV Eindhoven, allena anche la nazionale di calcio australiana che guidera' anche ai prossimi mondiali in Germania.

E cosi', con tutta probabilita', si puo' tranquillamente affermare che per la prima volta nella storia del calcio nazionale, sulla panchina della nazionale siedera' un tecnico straniero, nel caso specifico, il famoso olandese Guus Hiddink. A proposito, si vocifera che i mezzi economici per il contratto del longevo allenatore (circa un milione e mezzo di dollari all'anno), siano stati stanziati da Roman Abramovich, il quale, com'e' noto, non e' che il denaro lo getti al vento. E Hiddink rappresenta proprio il tipo d'allenatore per il quale non dispiace pagare anche due milioni.

Cosa sappiamo a proposito di Hiddink? Come calciatore non e' che lo si possa considerare un fuoriclasse. Per una quindicina d'anni ha militato nelle file della modesta squadra olandese "Den Graafschap", una stagione al PSV, tre nel NEK, per finire la carriera giocando due anni negli Stati Uniti. Ma, come sappiamo, non e' indispensabile essere un fuoriclasse per diventare un grande allenatore, cosa che e' successa con Hiddink. La sua carriera da allenatore e' iniziato proprio nella sua prima squadra da calciatore il "Den Graafschap", in qualita' di secondo. Nel 1984 e' passato al PSV sempre come secondo, diventandone l'allenatore in prima dopo due anni. Proprio sotto la guida tecnica di Hiddink, il PSV ha ottenuto i piu' importanti risultati nella sua storia. Giudicate voi stessi: per tre volte verso la fine degli anni '80, cosiccome nelle stagioni 2002/03 e 2004/05, il PSV vince lo scudetto e per quattro volte si aggiudica la Coppa d'Olanda. Nel 1988, inoltre, il PSV vince anche la allora chiamata Coppa dei Campioni.

Hiddink ha allenato anche in Spagna, piu' precisamente il Real Madrid ed il Betis, anche se non a lungo e con scarsi successi, il che d'altra parte non e' sorprendente dal momento che in Spagna, per di piu' con squadre del livello del Real Madrid, lavorare non e' troppo facile per quanto grande un allenatore possa essere. Attualmente Hiddink e' nuovamente alla guida del PSV, ritenuta la squadra olandese piu' stabile e forte degli ultimi anni. La scorsa stagione il PSV per un pelo non ha centrato la finale di Champions League e solamente un complesso di circostanze sfavorevoli ha impedito alla compagine di Hiddink di eliminare il Milan in semifinale. A proposito, una domanda - se Hiddink ha dato l'assenso a guidare la nazionale russa, sara' disposto a lasciare il PSV oppure allenera'contemporaneamente sia il club olandese che la nazionale russa? Una soluzione simile e' piu' che possibile, dal momento che attualmente, oltre al PSV, Hiddink e' anche alla guida della nazionale australiana, per di piu', in entrambi i casi, con ottimi risultati. Ma sara' d'accordo la Federcalcio russa, che da tempo si esprime a sfavore di una soluzione che vede l'allenatore della nazionale seduto contemporaneamente su di un'altra panchina? Staremo a vedere!

Per cio' che riguarda il lavoro di Hiddink a livello di allenatore di nazionali, anche qui il suo curriculum non fa una grinza. Alla sua guida, la nazionale olandese e' arrivata quarta al Mondiale del 1988, la nazionale coreana per la prima volta nella sua storia si e' classificata quarta al Mondiale 2002, mentre la nazionale australiana, per la prima volta dal 1974, si e' qualificata alla fase finale del Mondiale 2006. Va sottolineato che ai tempi di Hiddink, il clima all'interno della nazionale olandese non e' che fosse dei migliori, ma l'allenatore anche in tali condizioni e' riuscito ad ottenere un pregevole risultato, tenendo la situazione sotto controllo. In Corea Hiddink e' diventato addirittura eroe nazionale. I successi della nazionale coreana al Mondiale disputato in casa, hanno letteralmente portato l'olandese alle stelle. Hiddink e' stato il primo straniero nella storia della Corea ad essere insignito della cittadinanza onoraria ed inoltre ha ricevuto in regalo un'intera residenza su di un'isola, il diritto di volare gratis su due compagnie aeree, ed inoltre uno stadio nella citta' di Kvanzhu e' stato ribattezzato in suo nome. Molti coreani hanno pianto quando Hiddink ha deciso di lasciare la loro nazionale. A dire la verita', egli tuttora mantiene i contatti con la nazionale coreana e aiuta con consigli preziosi l'attuale allenatore nonche' suo concittadino Dik Advokaat, il quale, tra l'altro, era ritenuto uno dei candidati alla panchina della nostra nazionale.

Gia' da tempo circolano le voci sul fatto che sara' proprio Hiddink a sostituire Sven Goran Eriksson alla guida della nazionale inglese dopo il Mondiale in Germania. Hiddink veniva dato anche alla guida della nazionale sudafricana, ma la proposta da parte della Federcalcio russa e' risultata essere la piu' allettante, anche da un punto di vista finanziario. E cosi', possiamo ritenerci fortunati del fatto che la nostra nazionale sara' allenata da uno specialista del calibro di Guus Hiddink. Che con i nostri calciatori riesca a formare una buona nazionale?

Vladimir Galkin

| Ancora
6037