Pravda.ru

Societa' » Famiglia

Le attuali tendenze suicide in Russia hanno origine nella grigia epoca sovietica

17.02.2006
 
Pagine: 123
Le attuali tendenze suicide in Russia hanno origine nella grigia epoca sovietica

Ogni suicida sceglie il metodo con cui farla finita: c'e' chi si taglia le vene, chi inghiotte dosi micidiali di farmaci, chi si impicca o si butta sotto un treno. Queste persone hanno paura della morte, pur rendendosi conto che la loro vita giornaliera e' assai peggio.

Le statistiche dicono che solo un tentativo di suicidio su venti ha gli effetti desiderati. In altre parole, circa un milione di russi annualmente tenta di suicidarsi. Gli esperti sostengono che la cosa piu' terribile sta nel fatto che il tentativo di suicidio non dipende dallo stato sociale, sesso ed eta' delle persone. Nessuno di noi e' al riparo dal suicidio.

Prima della rivoluzione del 1917, la percentuale di suicidi in Russia era una delle piu' basse al mondo, andata ad aumentare progressivamente durante gli anni del regime sovietico. Sara' terribile, ma va detto che nel corso degli ultimi 15 anni la Russia e' diventata il leader mondiale per il numero di suicidi commessi. Nel 2003, la percentuale di suicidi registrati era pari a 39 persone su 100.000. Nel 2004, la Russia e' passata al secondo posto, scvalcata dalla Lituania. Per il momento non si dispone di statistiche concernenti la percentuale di suicidi nel 2005, ma le previsioni degli esperti non lasciano sperare in bene. La percentuale di suicidi in Russia e' in costante e rapido aumento.

Il professor Vladimir Voitsekh del Centro suicidi dell'istituto di ricerca psichiatrica di Mosca, sostiene che il drastico aumento della percentuale di suicidi in Russia (12 volte e mezza rispetto al secolo precedente), e' direttamente collegata ai cambiamenti politici ed economici che la Russia si e' vista ad affrontare. Gli anni della guerra, la devastazione, le repressioni ed il settantennale esperimento comunista, si sono rivelati insopportabili per i cittadini russi. Va aggiunto a questo proposito, che piu' e' alto il numero di persone che diventano alcool-dipendenti, piu' alto e' il numero di suicidi commessi. Le statistiche ufficiali dicono che solo l'1.5% dei suicidi vengono commessi in stato di forte ubriachezza. Ed infatti, quasi la meta' dei suicidi sono collegati all'abuso di bevande alcooliche.

Nonostante il malcontento popolare provocato dalla campagna anti-alcool ai tempi di Gorbaciov, va detto che proprio in questo periodo la percentuale di suicidi in Russia era notevolmente diminuita.

Gli esperti sostengono che ogni essere umano puo' diventare un potenziale suicida nell'ambito di situazioni circostanti decisamente sfavorevoli. Persino coloro i quali raramente cadono in depressione, possono ritrovarsi in una situazione che sconvolge la loro routine, portando al suicidio.

Per alcuni, i piccoli problemi quotidiani sul lavoro sono un fattore stressante e scioccante quanto la morte di persone care per altri. In questo caso e' fondamentale non rimanere isolati con i propri problemi e sentire la compassione e la simpatia degli amici. La maggior parte delle persone che pensano al suicidio, cerca in primo luogo la compagnia di altre persone con le quali poter condividere seri problemi.

La percentuale di persone malate psichicamente tra i suicidi e' solo del dieci percento, i restanti sono persone assolutamente sane di mente.

L'inverno e' la stagione nel corso della quale i suicidi avvengono piu' spesso. Molti di noi sono soggetti alla depressione a causa della carenza di vitamine e di sole. Va aggiunto che le persone depresse si sentono particolarmente male al mattino, quando fanno fatica ad alzarsi dal letto. Nel corso delle prime ore della mattinata, il complesso d'inferiorita' delle persone e la perdita d'intersse nei confronti della vita si fanno piu' acuti. E' risaputo che i tentativi di suicidio effettuati al mattino ottengono l' effetto desiderato piu' spesso di quelli effettuati alla sera.

Tra i vari metodi di suicidio, i piu' popolari in Russia sono l'impiccagione e l'avvelenamento, tenendo presente che il secondo e' il piu' popolare fra le donne. Tuttavia gli esperti sostengono che la percentuale di suicidi femminili e' assai inferiore a quella maschile, dal momento che solitamente le donne dispongono di una psiche piu' stabile.

La depressione rappresenta il disagio tipico dei suicidi. Il settanta percento dei pazienti depressi rivela avere tendenze suicide, dei quali il quindici percento passa alla pratica. La percentuale di suicidi piu' alta, viene registrata tra pazienti mentalmente disabili, alcool e droghe-sipendenti e disabili. Le professioni che fanno riscontrare il maggior numero di suicidi sono quelle del militare e del dottore.

L'organizzazione sanitaria mondiale cita tra 800 cause di suicidio, la paura di essere puniti, disagio mentale, amore infelice e molti altri problemi.

Gli uomini nell'eta' critica di 35-45 anni, sono in testa alla classifica dei suicidi. In questo periodo, essi sentono di non essere piu' giovani e di avere molte responsabilita' sulle spalle, quali il mantenimento della famiglia e la carriera prefessionale. A quest'eta', gli uomini a volte scoprono di soffrire alcuni disagi. Carichi psicologici intensivi sfociano di conseguenza in forme di depressione che possono risultare fatali per chi e' soggetto a tendenze suicide.

Pagine: 123
| Ancora
5486