Pravda.ru

Societa'

Dipendenza da cybersesso

14.09.2006
 

Negli ultimi decenni si è assistito al progressivo sviluppo di Internet grazie ad una sempre maggiore diffusione dei PC e all'adozione di tariffe agevolate per le connessioni. In linea con le esigenze degli utenti la world wide web si è sviluppata in diversi settori: dall'informazione alla cultura, dal sociale al sesso.

E' proprio il settore del sesso, o cybersesso, che ha recentemente avuto il maggiore sviluppo. L’industria del sesso, secondo una ricerca statunitense, ha un indotto mondiale di circa 57 miliardi di dollari, dei quali 2,5 sono prodotti da Internet. L'anonimato che consente Internet, i bassi costi di utilizzo, la paura di contrarre malattie sessualmente trasmesse, hanno fatto della rete informatica uno strumento di elezione per chi voglia fare incontri con altre persone, sia a scopo sessuale che non, o per chi voglia usufruire di materiale a sfondo sessuale.

Il cybersesso può essere operativamente definito come un'attività sessuale online tramite la quale le persone utilizzano Internet per mettere in atto attività sessuali eccitanti o gratificante. Questo utilizzo diviene patologico quando la persona non riesce a farne a meno nonostante evidenti conseguenze negative nella propria vita, a livello personale ed interpersonale (Cantelmi, Lambiase 2006). C'è quindi una differenza sostanziale tra chi mette in atto un comportamento patologico di tipo compulsivo () e chi utilizza la pornografia su internet in maniera occasionale.

Esistono dei fattori diagnostici caratteristici per definire e diagnosticare la dipendenza sessuale. Le caratteristiche principali, senza le quali non si può parlare di dipendenza sessuale, sono: conseguenze negative collegate ai comportamenti sessuali (es. malattie sessualmente trasmesse); pensiero ossessivo; fallimento nel tentativo di controllare i comportamenti sessuali; ricerca reiterata e ricorsiva dei comportamenti sessuali nonostante le conseguenze negative; craving (intenso desiderio per la persona, l'attività, o la sostanza dalla quale si dipende). Le caratteristiche secondarie, non necessarie per diagnosticare il disturbo, ma che danno un'idea della gravità, sono: persistente perseguimento di comportamenti autodistruttivi e rischiosi; dipendenza fisica (astinenza e tolleranza); segretezza; condotte di negazione; contraddizione delle proprie convinzioni etiche.

Sono poche fino ad ora le ricerche sul cybersesso, ma alcune di esse hanno messo in evidenza dei dati statistici interessanti: il 40% degli affetti da dipendenza sessuale su internet sono donne; l'orario di lavoro (9-17) è quello preferito per la ricerca di materiale pornografico; software, hardware e sesso sono i primi tre fattori economici della rete; l'età media dei fruitori di pornografia online è per gli uomini tra i 37 e i 46 anni , mentre per le donne tra i 27 e i 36 anni, ma la fascia di età che più fruisce della pornografia online è tra i 12 e i 17 anni! Un'alta percentuale di donne, circa l'80%, sostiene di mettere in atto comportamenti sessuali reali a seguito di relazioni erotiche online, mentre per gli uomini la percentuale è del 33%. Le donne sono più interessate a comunicazioni erotiche di tipo interattivo (chat), al contrario degli uomini che preferiscono l'erotismo di tipo visivo (immagini, filmati).

Caratteristica fondamentale e specifica della dipendenza da cybersesso è la rapida progressione del disturbo con la conseguente alterazione dei pattern di eccitazione. Spesso le persone con dipendenza da cybersesso sostengono di aver iniziato solo per curiosità e spendendo poco tempo su internet, poi, a lungo andare, il desiderio ed il bisogno sono diventati troppo intensi e il tempo passato su internet si è allungato sempre di più.

La dipendenza comportamentale, come in tutti i disturbi compulsivi, ha un forte impatto negativo sulla vita della persona. Perdita dell'autostima, alterazione dei pattern di eccitazione, dispendio di tutto il tempo possibile per attività sessuali online, utilizzo delle disponibilità economiche per la soddisfazione del desiderio sessuale, perdita del desiderio sessuale nei confronti del proprio partner, utilizzo delle energie per mantenere il segreto, distacco emotivo , ma anche fisico, dalle persone significative come coniuge o figli, sono solo alcuni dei fattori negativi che inevitabilmente incidono sul benessere della persona.

In conclusione la dipendenza da cybersesso è una malattia pervasiva e invalidante, che in casi gravi può compromettere gravemente la vita stessa. La persona è completamente in balia della necessità di ricercare e di fruire di materiale pornografico, o di andare alla ricerca di relazioni sessuali prescindendo dal partner del momento. La dipendenza sessuale è, per capirci, tanto invalidante quanto lo sono quella da gioco d’azzardo e quella da alcool.

Dovrebbe far riflettere l'aumento della diffusione del fenomeno, soprattutto quando nei casi clinici diminuisce l'età media. Sono infatti gli adolescenti le vittime più facili da colpire in un mondo come quello virtuale, dove non sempre le regole morali e le leggi riescono a proteggere i soggetti più deboli.

| Ancora
5496