Pravda.ru

Societa'

Euro falsi:come riconoscerli?

05.09.2006
 
Euro falsi:come riconoscerli?

L'euro è sempre più amato dai falsari. Infatti, nei primi sei mesi di quest'anno sono state ritirate dalla circolazione ben 300mila banconote contraffatte. Eppure, rispetto ad un anno fa, le monete in circolazione e regolarmente autorizzate dalla banca centrale europea sono state in aumento. Nella prima metà dell'anno non a caso sono circolati in media 10 miliardi di euro.

I numeri sono stati resi noti proprio dalla Bce, che però invita tutti i cittadini europei ad avere '"fiducia" nella qualità e nella sicurezza delle banconote. Sta di fatto, però, che bisogna prestare attenzione soprattutto alle banconote da 20 euro, quelle cioè preferite dai falsari e contraffatte nel 44% dei ritiri dalla circolazione. Il 36% dei sequestri di monete false invece ha riguardato le banconote da 50 euro. E c'è una novità rispetto al 2005, in questa prima parte dell'anno si è verificato anche ad un aumento delle falsificazioni di 100 euro, che ora sono il 12% del totale.

Erroneamente trascurate dai più, ma ovviamente anch'esse di valore. Il dato emerge dai monitoraggi del ministero dell'Economia, secondo il quale, nel primo semestre dell'anno, banche, Poste italiane, Cassa depositi e prestiti, intermediari finanziari e società di investimento hanno ritirato dal circuito monetario 3.535 spiccioli sospetti. Ma non basta. Attenzione anche agli euro-sosia: vale a dire tutte quelle monete, straniere o anche appartenenti alle vecchie lire, comunque somiglianti all'euro, delle quali qualcuno si vuole disfare al ritorno da un viaggio in terre lontane.

E ci riesce, complice la distrazione di quando si ritira sbrigativamente un resto. In quanto ai falsi, la stragrande maggioranza di quelli scoperti è concentrata nelle monete da 2 euro. Se credete di maneggiare una moneta da 2 euro, ma vi accorgete che su di essa c'è stampato un elefante invece che Dante, sappiate che avete a che fare con 10 bath thailandesi, poco meno di 44 centesimi di euro. Ma oltre alla moneta da 10 bath, ci si può trovare in tasca una vecchia moneta da 500 lire oppure monete simili di altri paesi. Una vera mini-truffa che, pur avendo un impatto finanziario limitato, fa circolare molte monete "sbagliate", e in gran quantità.

Ma per evitare questo basta seguire i consigli degli esperti e prevenire così brutte sorprese. Dall'Istituto poligrafico Zecca dello Stato ricordano, ad esempio, le caratteristiche tecniche che consentono di verificare immediatamente se si ha a che fare con un falso o con una moneta non europea.

Il colore.

Ramato per le monete da 1, 2 e 5 eurocent, giallo oro per 10, 20 e 50 eurocent e argento oro per le monete da 1 e 2 euro.

I bordi.

I bordi delle monete da 1 e 5 centesimi sono lisci; quelli delle monete da 2 centesimi hanno un solco. La moneta da 10 centesimi ha il bordo "godronato" (cioè zigrinato) continuo, come quella da 50 centesimi; quella da 20 è detta "a fiore spagnolo" (6 petali che si incrociano sul bordo). La moneta da 1 euro ha il bordo godronato, ma discontinuo, quella da 2 ha delle iscrizioni in incavo.

Le macchinette.

Ma se capita di trovare nel portafogli la moneta con elefante e si vuole proprio fare la prova del nove, è sufficiente infilarla in qualunque macchinetta di distribuzione automatica che, nelle versioni più sofisticate, la scarterà subito come "non riconoscibile". Ma attenzione: se si tiene troppo la moneta in mano riscaldandola, se ne alterano le caratteristiche fisico-magnetiche di conducibilità, e anche una moneta buona potrebbe essere scartata. Di contro, se la macchinetta è poco sofisticata potrebbe accettare il bath come buono.

| Ancora
4173