Pravda.ru

Scienza » Tecnologie e scoperte

Il Pentagono costruisce gli armamenti del futuro

12.03.2006
 
Pagine: 12
Il proiettile a microonde sulla base della bomba aerea Mk 84

Questa settimana il Pentagono ha "distribuito" milioni di dollari nell'ambito di alcuni progetti in prospettiva relativi ad armamenti in grado di farla da padrone nell'imminente futuro. La somma piu' ingente e' stata investita nelle ricerche delle forze aerei americane, mentre la flotta ha potuto contare su di una somma di poco inferiore.

L'iperbolide di Donald Ramfseld

24 milioni di dollari sono stati ottenuti dal gruppo di ingegneri che si occupa delle piu' moderne bombe elettromagnetiche. A proposito delle bombe elettriche (a microonde), grazie alle quali e' possibile mettere fuori fase apparecchiature elettroniche nel raggio di centinaia di chilometri, si sa tutto da come minimo mezzo secolo.

I primi progetti relativi alla costruzione di armamenti simili sono apparsi gia' negli anni '50 durante la corsa agli armamenti intrapresa da USA ed URSS malgrado il fatto che ci si limtasse a singoli esperimenti.

Un po' di teoria: l'armamento in questione per azione ricorda l'impulso elettromagnetico (EMI) in fase di scoppio atomico. L'EMI "atomico" colpisce i mezzi radioelettrici nel raggio di decine di chilometri - a causa dell'enorme tensione concentrata, gli elementi elettrici semplicemente saltano.

Lo scopo delle ricerche nell'ambito degli armamenti a microonde consiste nel tentativo di ripetere lo stesso effetto utilizzando normali sostanze incendiarie.

Oggigiorno e' noto che negli Stati Uniti si continua ad agire in questa direzione, anche se gli esperti non ecludono che armamenti simili possano gia' essere a disposizione di Russia, Francia, Israele, Cina ed altri paesi.

Sull'utilizzazione di questi armamenti si sa poco e non si esclude che i proiettili a micoroonde siano stati sperimentati in condizioni di vere azioni militari nel corso dell'ultima guerra in Iraq.

Sulla base di dati non confermati questi armamenti venivano utilizzati allo scopo di bloccare le telcomunicazioni iraniane.

I lavori relativi ad armamenti elettromagnetici piu' moderni vengono condotti nella base delle Forze aeree statunitensi a Kirtland, nel New Mexico, e sono stati sovvenzionati con una somma pari a 24 milioni di dollari.

I compiti fondamentali degli aerei ipersonici saranno
Tra i compiti fondamentali del gruppo di ingegneri, troviamo la realizzazione di armamenti di distruzione ad onde ultracorte; l'elaborazione di misure di neutralizzazione di potenti impulsi a microonde al fine di mantenere la funzionalita' delle proprie apparecchiature ed altresi' l'ottimazione di mezzi di allarme in caso di attacchi a microonde.

In quest'ottica va rilevato il progetto "Sheriff", conosciuto anche come "Emanazione dolorosa". Nell'ambito di questo programma vengono elborati metodi di azione dolorifica nei confronti del nemico che non ne comprtino la morte.

Morte ipersonica

10 milioni di dollari sono stati stanziati a favore del programma atto a risolvere i problemi di stabilita' degli apparati ipersonici volanti ad alti regimi di temperatura. Ricordiamo che gli apparati ipersonici volanti rappresentano l'ossessione del Pentagono. Secondo l'opinione del dipartimento militare americano, gli apparati in grado di volare ad un'altezza dai 20 ai 100 km decine di volte piu' veloci della luce, saranno inattaccabili da parte della contraerea nemica ed aumenteranno la mobilita' dell'esercito statunitense.

I compiti fondamentali di tali apparati saranno rappresentati dalla ricognizione, bombardamento e consegna di carichi militari in ogni angolo del mondo nel giro di qualche minuto.

Tuttavia, gli ideatori del "postino cosmico" hanno dovuto far fronte ad una moltitudine di difficolta' di carattere tecnico. La carcassa dell'aereo ipersonico volante a velocita' ultrasoniche - fino a 25.000 chilometri all'ora (il che supera circa di 20 volte la velocita' della luce) ad un'altezza massima di 45.000 chilometri, e' soggetta ad una temperatura e pressione elevate.

Attualmente gli scienziati americani sono alla ricerca di una nuova tecnologia che possa far fronte a questo tipo di problema.

Il programma ha preso il via tre anni fa in collaborazione tra le Forze aeree statunitensi ed il Centro di progetti scientifici di prospettiva del Ministero della difesa americana (la leggendaria DARPA). Al progetto prendono altresi' parte l'agenzia cosmica americana, il laboratorio nazionale a Sandia cosiccome le amministrazioni degli apparati aerei e cosmici del laboratorio di ricerca delle Forze aeree americano.

Gli americani hanno elaborato un nuovo dispositivo di
Questa tappa accellerera' la realizzazione del progetto dell'aereo ipersonico Falcon, atteso non prima di 5 anni.

Su ordine della Marina militare americana, nello stato del Massachusetts e' in fase di costruzione il dispositivo d'artiglieria marino 32 MJ destinato ad attaccare obiettivi sottomarini e costieri. La cosa interessante e' che l'emissione del proiettile non viene effettuata con l'aiuto di polvere da sparo, bensi' da un campo elettromagnetico. Le lettere "MJ" della denominazione del dispositivo stanno a significare "megajoule".

Pagine: 12
| Ancora
6046