Pravda.ru

Scienza

A fermare l'invasione degli "omini verdi" ci penseranno i ribelli iracheni ed i separatisti baschi

27.04.2007
 
A fermare l'invasione degli "omini verdi" ci penseranno i ribelli iracheni ed i separatisti baschi

Mentre non si era ancora finito di scavare tra le macerie del World Trade Centre, due scienziati americani sono stati assaliti da un atroce dubbio: e se la prossima volta i nemici della democrazia attaccheranno New York non a bordo di aerei dirottati bensi' di dischi volanti?

Il frutto delle loro riflessioni e' stata di conseguenza la pubblicazione di un libretto d'istruzioni nel quale vengono illustrati i piani di difesa da attuarsi in caso di invasione da parte degli extraterrestri. E, nella lotta contro i perfidi "omini verdi", gli autori si rifanno all'esperienza della guerra in Iraq e alle azioni dei separatisti baschi.

E cosi', secondo i due esperti americani, l'umanita' e' attesa da dure prove e rimpiangera' amaramente di non aver ascoltato a tempo debito i moniti dei due profeti contemporanei. Travis Taylor e Bob Bohen, entrambi laureati in astronomia e fisica, hanno infatti recentemente pubblicato un libro dal promettente titolo "Introduzione alla difesa planetaria", nel quale i due autori analizzano i possibili scenari di un'invasione extraterrestre.

I due scienziati americani hanno gia' provveduto ad inviare due copie del loro libro rispettivamente al ministero della Difesa degli Stati Uniti a alla NASA i quali a loro volta, assai piu' preoccupati dalla minaccia portata dagli stessi esseri umani, non ne hanno dato benche' la minima importanza.

Nel loro libro epocale, Taylor e Bohen entrano in polemica con molti altri seri ricercatori. Ad esempio, i due prendono in esame il paradosso di Enrico Fermi, il quale nel 1950 tratto' la stridente contraddizione tra le previsioni relative all'esistenza della vita extraterrestre e la sospetta assenza di marziani desiderosi di "visitare' il nostro pianeta.

La scienza moderna non conosce nessun altro modo piu' veloce di muoversi nello spazio che non sia quello della luce; in tale modo, al fine di giungere sulla Terra, i turisti extraterrestri impiegherebbero ben piu' di un milione di anni, mentre da parte loro, alcuni scienziati spiegano questo fenomeno col semplice fatto che i marziani finora non sono riusciti a trovarci.

Tuttavia Taylor e Bohen non vogliono nemmeno sentire parlare di tali argomenti, asserendo, a supporto della loro tesi, che la nostra galassia e' popolata da migliaia di specie di esseri extraterrestri, con la assai elevata probabilita' che perlomeno una o due di queste civilta' si rechino in visita al nostro pianeta almeno una volta al secolo.

I combattenti contro "gli omini verdi" sono giunti per la prima volta alla conclusione che la Terra rischia seriamente un'invasione extraterrestre nel 2001, quando presero il via i primi dibattiti riguardanti la minaccia terroristica internazionale. Entrambi gli studiosi americani sono convinti del fatto che, nella lotta ai perfidi marziani, sia indispensabile elaborare un piano di concrete contromisure.

Al momento, come suggeriscono gli autori del libro, la tattica ideale e' rappresentata dalle azioni partigiane sull'esperienza di combattimento praticata sia da parte dei ribelli iracheni che dei separatisti baschi...

| Ancora
3551