Pravda.ru

Scienza

Scoperta l'acqua nell'atmosfera del pianeta HD 209458b

15.04.2007
 
Scoperta l'acqua nell'atmosfera del pianeta HD 209458b

La rivista scientifica "Astrophysical Journal" ha recentemente annunciato che e' stata scoperta l'acqua nell'atmosfera del pianeta extrasolare HD209458b, situato nella costellazione di Pegaso, ad una distanza pari a 150 milioni di anni luce dalla Terra e dalle dimensioni di un corpo celeste gassiforme simile a Giove.

In base a questa scoperta, gli scienziati sostengono che l'acqua, seppur in stato vaporoso, sia presente nell'atmosfera della maggior parte dei pianeti extrasolari nonostante il fatto che le loro orbite si trovino piu' vicine alle stelle del loro sistema rispetto alla vicinanza dell'orbita di Mercurio a Giove. Tuttavia, e' proprio questa vicinanza a complicare la rilevazione dell'acqua nell'atmosfera.

Gli astronomi americani sono giunti alla conclusione relativa alla presenza dell'acqua nell'atmosfera del pianeta HD 209458b sulla base di un'analisi di dati ottenuti grazie al telescopio spaziale "Hubble" e condotta dall'Universita' di Harward.

Da parte sua ?revis Barman, astronomo dell'osservatorio statunitense di Lowell, ritiene tuttavia che sui pianeti gassiformi l'effettiva presenza dell'acqua sia assai improbabile. Attualmente Barman e' impegnato nell'elaborazione di una nuovissima tecnologia che consente di giungere a precise conclusioni a proposito della presenza di segni di vita sui vari pianeti, dopo aver analizzato la luce riflessa dal pianeta in questione.

Grazie ad analisi di questo tipo, sara' inoltre possibile rilevare non solamente la presenza d'acqua e di vari gas, ma anche di clorofilla che, come noto, prende parte al processo di fotosintesi.

Il pianeta HD209458b appartiene al gruppo di corpi celesti meglio conosciuti come "Giovi caldi", situati ad una distanza molto ravvicinata dalle proprie stelle madri la cui atmosfera si amplia e si surriscalda fino al punto da rendere inoperosi gli strati di forza attrattiva situati sulla sua superficie. E proprio in questi strati l'idrogeno ribolle per effetto del vapore emesso dalla stella madre.

| Ancora
2354