Pravda.ru

Russia » Storia, tradizioni

Gli americani vogliono acquistare la salma di Lenin

11.04.2006
 
Gli americani vogliono acquistare la salma di Lenin

La questione relativa al luogo in cui si debba trovare la salma del capo della rivoluzione proletaria, assomiglia sempre di piu' ad una farsa. In quest'ottica e' persino difficile immaginarsi un luogo piu' scandaloso del Mausoleo sulla Piazza Rossa, luogo storico, divenuto in un certo senso il biglietto da visita della nazione. Il problema e' sempre lo stesso - la salma di Vladimir Lenin va o non va riesumata?

La cosa piu' interessante e' che il tema tornato di moda concernente l'inumazione della salma di Lenin, e' casualmente combaciato con la riesumazione dei resti del generale russo Anton Denikin e del filosofo Ivan Ilic. Ma se la loro riesumazione e' avvenuta tutto sommato in modo modesto e senza troppo rumore, le considerazioni del regista Nikita Mihalkov relative alla richiesta di Lenin di venire seppellito al cimitero Volkov di San Pietroburgo, hanno nuovamente scatenato un'ondata di polemiche tra l'opinione pubblica. Infatti hanno ripreso i sondaggi sul tema "si deve o non si deve seppellire Lenin", la gente ha ripreso a "fare la barba" al da tempo defunto, e la questione e' tornata di moda nell'ambiente politico.

Non solo i comunisti si sono affrettati a delineare la propria posizione a proposito, ma anche i rappresentanti di altre confessioni politiche. Nel corso delle infuriate battaglie oratorie, il tema principale veniva un attimo trascurato per lasciar spazio ad un'altra piu' usuale abitudine politica che prevede il continuo battibecco tra i due interlocutori nel tentativo di superarsi a vicenda per cio' che concerne il patriottismo e la rivendicazione dei "veri valori". Nella discussione del tema "attuale", i politici sono stati seguiti a ruota da tutta la nazione che a sua volta ha iniziato a discutere su chi avesse ragione e chi no.

Per quanto strano possa sembrare, chi ha reagito nel modo piu' logico alla situazione venutasi a creare, sono stati...gli americani. In relazione alle opinioni contradditorie e alle feroci discussioni su cosa fare della salma di Lenin, il sito Internet "Fark.com", con sede a Mosca, ha avanzato la proposta al governo russo di acquistare la salma di Lenin. Il proprietario della risorsa Internet Drew Curtis, ha dichiarato di essere pronto ad organizzare a Lenin "un viaggio negli Stati Uniti con tanto di visita a Disneyland, il luogo che i leader sovietici da sempre sognavano di visitare".

Altre originali proposte a proposito di Lenin prevedevano: clonazione, ballottaggio alle elezioni presidenziali del 2008, ed utilizzazione della salma in qualita' di secondo pilota di rally. Quando a Curtis e' stato chiesto come avrebbe reagito alla proposta da parte di "PRAVDA.Ru" di acquistare i resti di George Washington, egli ha risposto che acquistarli e' impossibile ma che un pensierino all'attore Ab Vigod ce l'avrebbe fatto volentieri. "Negli ultimi tempi ho sentito che Ab insiste col fatto di essere vivo, ma io penso che siano solo voci su Internet", - ha affermato Curtis.

E' evidente che la proposta da parte egli americani sia completamente fuori luogo. Ma la cosa piu' importante non sta nel fatto che loro abbiano fatto una tale proposta, bensi' dalle ragioni che li hanno spinti a farla. Gli intraprendenti yankee, spettatori della farsa relativa alla salma di Lenin, in modo assolutamente naturale hanno concepito la salma del capo della rivoluzione proletaria mondiale come un qualsiasi oggetto in vendita, sulla proprieta' del quale tanto accanitamente discutono uomini d'affari e politici sino a metterlo all'asta.

I politici russi, indipendentemente dal partito di appartenenza, hanno sollevato un tale polverone sul problema relativo al destino della salma di Lenin, chissa' perche' senza nemmeno pensare un attimo a come il loro comportamento sara' giudicato all'estero, a che tipo di immagine offrono del loro Paese, effettuando danze di rito attorno ad un mucchietto di ossa e trasformando la storia russa in una farsa di mercato.

Alla figura di Lenin ci si puo' attenere in qualsiasi modo, ma non ci si deve attenere ne' a Lenin, tantomeno al suo corpo, come a moneta di scambio nell'ambito di battaglie politiche. Non e' forse meglio lasciare in pace il corpo ed il nome di Vladimir Lenin, lasciando che sia la storia a dare una risposta defintiva? Per molti russi Lenin rappresenta un simbolo, rappresenta la memoria del passato, delle conquiste e degli errori nazionali, di quelle accette che i cosiddetti "combattenti" per il benessere del popolo cercano insistentemente di darsi sui piedi.

| Ancora
4955