Pravda.ru

Russia » Storia, tradizioni

Mihail Gorbaciov, il padre della perestroika, compie 75 anni

03.03.2006
 
Mihail Gorbaciov, il padre della perestroika, compie 75 anni

Mihail Gorbaciov, il padre della perestroika, compie 75 anni

Il primo ed ultimo presidente dell'URSS Mihail Gorbaciov compie oggi 75 anni. Gorbaciov non e' intenzionato a festeggiare il proprio compleanno in grande stile. L'ex presidente cenera' in compagnia della famiglia e di alcuni amici in uno dei ristoranti moscoviti. "Sara' tutto in forma semplice, anche se sara' una cena a base di piatti interessanti". L'agenzia Itar Tass ha riportato le seguenti parole da parte di Gorbaciov: "Al momento, il mio piu' grande sogno e' quello di ubriacarmi in occasione del mio settantacinquesimo compleanno, senza pensare alle conseguenze".

L'ex cancelliere tedesco Helmut Kohl e l'ex segretario degli affari esteri tedesco Hans-Dietrich Genscher, saranno gli unici ospiti stranieri invitati in occasione della festa del compleanno di Gorbaciov. Il quarantunesimo presidente degli Stati Uniti George Bush senior, ha inviato a Mosca un videomessaggio di congratulazioni.

Mihail Gorbaciov e' entrato nella storia come l'uomo politico che ha messo fine all'era della guerra fredda, ha demolito il muro di Berlino, nonche' la dittatura dei comunisti. "Nella mia carriera politica ho fatto le scelte giuste. Per cio' che riguarda la perestroika, ritengo che abbiamo fatto cio' che era necessario fare. Lo rifarei anche adesso, a favore della liberta' e dei cambiamenti democratici", ha affermato Gorbaciov nel corso di una recente intervista radiofonica.

Parlando del crollo dell'Unione Sovietica, il primo presidente dell'URSS ha rimproverato al primo presidente della Russia Boris Yeltsin di essere ricorso ad una serie di menzogne. In particolare, Yeltsin sosteneva che Gorbaciov non fosse stato intrappolato in una residenza in Ucraina durante il tentativo di colpo di stato nel 1991. Sempre secondo Yeltsin, Gorbaciov era al corrente della cospirazione e dell'imminente crollo della superpotenza piu' grande al mondo. "Queste sono tutte menzogne. Yeltsin ha amnistiato tutti gli organizzatori del golpe", ha rilasciato Gorbaciov nel corso di un'intervista rilasciata al giornale Sobesednik.

Vale la pena notare che la maggior parte dei cittadini russi non hanno apprezzato il contributo di Gorbaciov alla storia mondiale. Secondo recenti sondaggi d'opinione, la maggior parte dei cittadini russi non vede di buon'occhio la personalita' di Gorbaciov. "Riforme semplici non esistono", dice Gorbaciov, essendo perfettamente al corrente dell'attitudine negativa dei russi nei suoi confronti. "Tuttavia, posso dire di non essermi sentito mai tanto libero come negli ultimi 15 anni successivi alla fine del mio periodo di presidenza. Posso fare tutto cio' che voglio, posso dire cio' che volgio e pensare cio' che voglio, naturalmente se lo voglio. Viene fuori che essere liberi ed indipendenti e' una grande rarita'", ha dichiarato Gorbaciov nel corso di un'intervista rilasciata al giornale Trud.

"Potra' sembrare strano, ma continuo a credere nella fiducia. Continuo ad aver fiducia in altre persone anche se so cose negative a loro proposito. Continuo ad aver fiducia in loro sebbene io abbia sofferto enormi delusioni nella mia vita. Sono stato tradito non solo da uomini politici, ma altrettanto da miei amici con i quali sono stato in ottimi rapporti per molti anni", ha detto l'ex presidente dell'URSS.

Mihail Gorbaciov ha vinto il premio Nobel per la pace nel 1990. E' stato premiato col titolo "Il tedesco del secolo" dopo l'unificazione della Germania. Attualmente Gorbaciov dirige la propria fondazione di ricerche sociali, economiche e politiche, oltre ad essere membro onorario di piu'di 30 universita' sparse per il mondo.

"La storia del ventesimo secolo e' piena di mostruose manifestazioni di amorale politica. Tuttavia, i cambiamenti della fine del ventesimo secolo sono avvenuti nell'ambito di una certa relazione tra politica e morale. C'e' solamente una via d'uscita dalle attuali crisi ne lmondo. Ci si dovrebbe mettere su di una via che permette di regolarizzare il mondo basandosi sulla pace e non sulla violenza. Il nuovo ordine mondiale ha bisogno di osservare la varieta' naturale, etnica e culturale, altrimenti non comparira' mai. Tutto cio' avverra' se la comunita' internazionale fara' sforzi mirati in questa direzione ed utilizzera' tutte le risorse e conoscenze a questo fine. In quest'ambito, ripongo grosse speranze nella generazione dei giovani".

"Ho cercato di valutare l'opera del presidente Vladimir Putin in modo obiettivo. Pur non dimenticando alcuni aspetti negativi, non posso non sottovalutarne i risultati positivi. Putin e' riuscito a superare il caos e l'instabilita' nel paese, cosa che rappresenta un successo storico, anche se a volte e' dovuto ricorrere a metodi autoritari. Non sono tra quelli che rimproverano il presidente di aver introdotto un regime autoritario in Russia. Nel paese non esiste un regime simile e penso che non qui non ci sara' mai piu'. Anche i paesi tradizionalmente democratici a volte ricorrono a metodi autoritari", ha dichiarato Mihail Gorbaciov.

| Ancora
5405