Pravda.ru

Russia

Gorbaciov critica l'occidente

28.06.2006
 
Gorbaciov critica l'occidente

L'ex presidente dell'Unione Sovietica, Mihail Gorbaciov, ha definito "assai strana" la posizione presa dall'occidente, il quale dapprima raccomanda alla Russia di gestire le proprie risorse di gas in base alle regole del mercato libero, per poi, una volta che cio' effettivamente avviene, "protestare in merito agli introiti ricavati dalla vendita del gas a prezzi di mercato".

La Russia non utilizza le proprie risorse energetiche in qualita' di strumento politico, ha sottolineato l'ex capo di stato sovietico nel corso di un'intervista rilasciata al quotidiano londinese "Times". La Russia, "non meno dell'Europa" e' interessata alle proposte e alle richieste di petrolio e gas, ha aggiunto Gorbaciov, secondo il quale l'energetica nazionale rappresenta "la prima e piu' importante" fonte di ricavi economici indispensabili alla riorganizzazione dello stato russo.

Gorbaciov si e' altresi detto sicuro del fatto che lo stato russo "si sviluppa e si sviluppera' ulteriormente in modo assai positivo", precisando che, tuttavia, "a qualcuno questo non va giu'".

Il "grande riformatore" ha inoltre parlato dei tentativi intrapresi dall'occidente al fine di immischiarsi nelle questioni interne della Russia, soprattutto alla vigilia del summit del G-8. "La Russia appartiene solo a se' stessa. La Russia e' in grado di risolvere i propri problemi anche grazie all'aiuto dei nostri partners ed amici".

Inoltre Gorbaciov ha dichiarato che per cio' che concerne le questioni democratiche e di economia di mercato, la Russia ha intrapreso la giusta strada e, a proposito dei tentativi occidentali di intromissione nelle questioni interne russe, Gorbaciov ha rammentato che "durante la cosiddetta rivoluzione arancione dell'anno scorso in Ucraina, e' stata registrata una notevole influenza da parte dell'ambasciata americana". "L'America ha una grossa esperienza in fatto di intromissione nelle questioni interne di altri stati, ma se una cosa del genere fosse avvenuta da loro, sono profondamente convinto del fatto che gli americani avrebbero fatto in fretta a mettere fine alle intromissioni dall'interno", ha fatto notare Gorbaciov.

| Ancora
2520