Pravda.ru

Russia

Putin spara a zero sull'Italia definendola "culla della mafia"

23.10.2006
 
Putin spara a zero sull'Italia definendola "culla della mafia"

Secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo "El Pais", nel corso della riunione del Consiglio europeo che in questi giorni si tiene a Lahti, in Finlandia, evidentemente irritato dalle critiche mossegli contro da parte dei leader dei paesi europei a proposito della violazioni dei diritti umani nel suo Paese, il presidente russo Vladimir Putin ha replicato sparando a zero dapprima sull'Italia, definendola "la culla della mafia" che non ha nulla da insegnare alla Russia, per poi andar giu' di brutto anche nei confronti della Spagna dichiarando che sarebbe governata da "enti locali pieni di funzionari corrotti", lasciando i rispettivi premier ministri dei Paesi in questione, Prodi e Zapatero, letteralmente a bocca aperta.

La serata di Lahti nel corso della quale venerdi' scorso Putin ed i leader europei avevano preso parte ad una cena per discutere il problema delle forniture di gas nei confronti dell'Unione Europea, non era iniziata nel migliore dei modi, con la clamorosa gaffe del presidente russo a proposito del presidente israeliano Moshe Katsav. Nell'occasione infatti, Putin, a microfoni accesi a suo incognito, aveva espresso ammirazione ed invidia nei confronti del collega israeliano accusato in patria di aver violentato 10 donne, cosa che molto probabilmente finira' con un processo per violenza sessuale.

Inoltre, il presidente dell'europarlamentare, Josep Borrell aveva accolto Putin assai freddamente, rammentandogli la preoccupazione da parte dell'Unione Europea a proposito della violazione dei diritti umani in Russi anche alla luce del recente assassinio della giornalista Anna Politkovskaja in memoria della quale aveva fatto osservare un minuto di silenzio. Come se non bastasse, Borrell, sottolinenando le difficolta' delle Omg russe, si era poi rivolto a Putin dicendogli: "Facciamo affari con Paesi peggiori del suo, ma con voi vogliamo unirci e per questo e' necessario che condividiate certi valori".

A questo punto Putin, visibilmente irritato da quanto sinora era successo, e' stato evidentemente colto da uno scatto d'ira che l'ha portato a replicare in modo assai duro. "Il Cremlino - ha dichiarato a muso duro Putin - non puo' accettare lezioni di democrazia da Paesi come la Spagna, in cui molti sindaci sono sotto inchiesta per corruzione o dall'Italia, "dove è nata una parola come "mafia" ". Secondo quanto riportato da "El Pais", Zapatero e Prodi sono rimasti letteralmente a bocca aperta e senza parole, mentre Putin scatenato, rispondeva anche alle preoccupazioni europee a proposito delle situazioni in Georgia ed in Cecenia: "E' meglio che pensiate a quello che avete combinato in Jugoslavia", e' stata la replica a proposito del presidente russo.

La tensione e' stata poi allentata dal premier finlandese nonche' padrone di casa Matti Vanhanen. In chiusura di cena Putin ha ammesso che anche in Russia c'e' diffusa preoccupazione per l'aumento della violenza, anche se ha negato ogni responsabilita' per cio' che riguarda l'assassinio della giornalista Anna Politkovskaya.

Nell'edizione di oggi abbiamo pubblicato l'articolo di testa dedicato completamente a Putin, piu' esattamente a cosa fare per poter porgli una domanda in occasione della conferenza stampa on-line che il presidente russo terra' mercoledi' 25 ottobre. Questa potrebbe essere l'occasione ideale per i lettori italiani interessati al fine di chiedere ragguagli a Putin a proposito della sua concezione sull'Italia. Per chi avesse effettivamente l'intenzione di farlo, un solo consiglio: andateci con le molle. Visto cosa succede a provocare l'orso russo??

| Ancora
3928