Pravda.ru

Russia

Secondo la "Nezavisimaja Gazeta" il Cremlino ha gia' scelto il successore di Putin

21.04.2007
 
Secondo la "Nezavisimaja Gazeta" il Cremlino ha gia' scelto il successore di Putin

Clamorosa rivelazione quella apparsa oggi nell'edizione del quotidiano russo "Nezavisimaja Gazeta", la quale, citando fonti anonime altolocate del Cremlino, annuncia che per quanto riguarda la corsa alla poltrona presidenziale "i giochi sono fatti".

Piu' esattamente, il quotidiano moscovita si basa su dichiarazioni non ufficiali da parte di una serie di alti funzionari del Cremlino, sulla base delle quali e' emerso che il prossimo presidente della Russia sara' Serghej Ivanov, mentre il suo principale antagonista, il primo vicepremier Dmitrij Medvedev, verra' nominato primo ministro al posto dell'attuale Fradkov.

In qualita' di ulteriore prova, seppure indiretta, a supporto della propria tesi, la "Nezavisimaja Gazeta" ha inoltre pubblicato due recenti interviste rilasciate da Ivanov e Medvedev, rispettivamente al "Financial Times" e alla rivista russa "Itoghi".

Nell'intervista rilasciata da Ivanov al prestigioso quotidiano finanziario britannico, cosiccome a dire il vero in occasione di altre rilasciate negli ultimi tempi, l'ex ministro della Difesa ha toccato temi che non riguardano solamente la politica estera, bensi' anche quella interna, chiara prerogativa di un vero potenziale pretendente alla poltrona presidenziale.

Inoltre, sempre secondo il quotidiano moscovita, a partire dal 15 febbraio scorso, da quando cioe' Ivanov ha lasciato l'incarico di ministro della Difesa per ricoprire quello di primo vicepremier, i canali televisivi statali russi ORT, RTR e NTV hanno iniziato a dedicargli assai piu' tempo rispetto che in precedenza: quasi il doppio.

Da parte sua invece Dmitrij Medvedev, sia nel corso della sua intervista rilasciata ad "Itoghi", cosiccome in occasione dei recenti forum tenutisi a San Pietroburgo e a Davos, non e' mai fuoriuscito dall'ambito della politica e dell'economia interna, e le sue dichiarazioni non hanno lasciato l'impressione di un uomo politico che tra meno di un anno dovra' condurre negoziati con i leader dei maggiori paesi mondiali.

Di qui la conclusione alla quale e' giunta la "Nezavisimaja Gazeta". Da notare infine che al momento, nessuno dei due potenziali futuri presidenti della Russia non ha ancora provveduto ad ufficializzare la propria candidatura alle prossime elezioni presidenziali del marzo 2008.

| Ancora
2721