Pravda.ru

Russia

I comunisti russi si battono per il ripristino dell'Unione Sovietica

21.01.2007
 
I comunisti russi si battono per il ripristino dell'Unione Sovietica

I comunisti russi si battono per il ripristino dell'Unione Sovietica ed esortano i partiti comunisti dell'ex repubbliche sovietiche ad unirsi

"Riteniamo che il ripristino della nostra patria unita sia il nostro compito chiave, compito sul quale lavoreremo energicamente anche in futuro", ha dichiarato il leader del partito comunista russo Ghennadij Ziuganov in occasione del plenum dei partiti comunisti dell'Unione Sovietica tenutosi sabato scorso a Mosca, al quale hanno partecipato i rappresentanti dei partiti comunisti di Bielorussia, Ucraina, Armenia ed altre ex repubbliche sovietiche.

Ziuganov ha in particolare posto l'accento sull'indispensabilita' di cooperare con queste repubbliche.

"Senza un'unione tra Russia, Ucraina, Bielorussia e tutte le altre repubbliche sorelle che facevano parte dell'Unione Sovietica, per noi non esiste nessuna prospettiva storica", ha dichiarato il leader del partito comunista russo.

Nella risoluzione del plenum viene fatto notare che per tutti i partiti comunisti venutisi a formare sul territorio dell'ex URSS, e che continuano ad attenersi alla dottrina comunista, sia indispensabile unirsi e lo scopo principale di questa unione dovra' essere rappresentato dalla lotta per "la sovranita' del popolo sovietico nonche' per lo sviluppo socialista dei popoli delle repubbliche sorelle allo scopo di unirsi in uno stato unico".

Oltre alla risoluzione, ai giornalisti presenti e' altresi' stato rilasciato il programma delle manifestazioni in programma nel corso del 2007 da parte dei comunisti, secondo il quale per tutto l'anno il partito comunista russo dovra' prepararsi al terzo congresso dei popoli dello Stato Unito, in programma per il febbraio del 2008.

I comunisti russi hanno altresi' in programma diverse manifestazioni di protesta contro "l'insorgere dell'anticomunismo, il nazionalismo di stampo fascista, nonche' la globalizzazione imperialistica ed aggressiva da parte della NATO".

Per il mese di giugno inoltre, i comunisti russi hanno in programma una conferenza a livello internazionale intitolata "Il Grande Ottobre e i tempi moderni" sulla base dei risultati della quale verra' stampato e diffuso un libro.

| Ancora
2605