Pravda.ru

Russia

Litvinenko e' stato ucciso da un killer professionista

19.01.2007
 
Litvinenko e' stato ucciso da un killer professionista

Nuovo colpo di scena nelle indagini sull'assassinio dell'ex agente dei servizi segreti russi. Secondo quanto dichiarato mercoledi' scorso in diretta da Oleg Gorievskij, ex agente del KGB attualmente in esilio in Gran Bretagna, ai microfoni dell'emittente radiofonica moscovita "Radio Svoboda", la morte di Litvinenko e' da attribuire ad un killer professionista giunto a Londra con un passaporto falso ottenuto in uno dei paesi della UE.

Secondo Gordievskij gli inquirenti britannici sono in possesso della fotografia di questo misterioso personaggio, dal momento che il suo passaporto e' stato ripreso dalle telecamere al suo arrivo all'aeroporto londinese "Heatrow". Lasciando la Gran Bretagna dopo aver avvelenato Litvinenko, il misterioso killer avrebbe mostrato un secondo passaporto falso sotto un altro nome.

A tutto cio' Gordievskij ha aggiunto che le autorita' britanniche hanno preso la decisione di inviare per la seconda volta una squadra di inquirenti a Mosca, poiche' nel corso della prima inchiesta tenutasi nella capitale russa "il livello di cooperazione della controparte russa non si e' rivelato all'altezza". Infatti, secondo Gordievskij, "la Procura Generale ha impedito che gli inquirenti britannici entrassero in contatto con le persone che intendevano interrogare una volta giunti a Mosca".

"Tutto cio' ha l'apparenza di un teatrino appositamente messo su dalle autorita' russe al fine di bagnare il naso agli inglesi", ha inoltre aggunto l'ex agente del KGB. Dalle sue dichiarazioni si apprende inoltre che le auorita' britanniche hanno deciso di intraprendere un secondo tentativo nella speranza che questa volta la controparte russa collaborera' attivamente invece di imbrogliare le carte.

| Ancora
2048