Pravda.ru

Russia

Intervista a Rinat Dasaev, l'indimenticato portiere della nazionale sovietica

18.09.2006
 
Pagine: 12

- Molti tifosi ritengono che la sua carriera in Spagna sia stata relativamente corta. Secondo lei, qual'e' la causa?

- "Relativamente corta"? Non direi proprio. Per un portiere smettere l'attivita' a 35 anni e' una cosa normale. E' pero' possibile che se fossi rientrato in Russia qualche anno prima, avrei potuto continuare fino a 38 o 40.

- E' vero che i suoi rapporti coi giornalisti non sono dei migliori?

- Dipende da che giornalisti. Mi pare che ai miei tempi fossero piu' seri e responsabili. Le cosiddette "bufale" avvenivano assai piu' di rado di adesso. E questo perche' i giornalisti di oggi sono costantemente alla ricerca della notizia a sensazione ad ogni costo. Me ne rendo conto personalmente quando ad esempio sui giornali io stesso leggo cio' che non ho detto e che non avrei potuto dire in nessuna circostanza...

Fonte: Trud

Pagine: 12
| Ancora
964