Pravda.ru

Russia

Perche' sempre piu' donne si arruolano nell'esercito russo?

14.03.2007
 
Perche' sempre piu' donne si arruolano nell'esercito russo?

Nel corso degli ultimi 10 anni e' quasi raddoppiato il quantitativo di donne soldato nell'esercito russo, passato da 50 a 95mila, cifra che corrisponde al 8,5% degli effettivi, calcolati in 1 milione e 130.000 unita'. Ma se si considerano tutte le strutture militari russe, nelle quali operano complessivamente circa 4 milioni di militari, questa percentuale sale sino al 12,5%, pari a circa mezzo milione di unita'.

Ad esempio all'interno delle strutture del ministero della Difesa russo, sono inquadrate piu' di 32.000 donne, 5.600 delle quali ufficiali, il 70% delle quali dispone di preparazione militare a livello professionale.

Le donne-ufficiali per lo piu' sono impegnate in specializzazioni mediche (72%), strutture di trasmissione (8%) e nel settore finanziario (4%), anche se, come comunicato con una nota ufficiale da parte del ministero della Difesa russo, "710 donne soldato hanno finora preso parte a scontri armati nelle fila dell'esercito".

Nell'esercito russo sono piu' di 80.000 le donne che prestano servizio a contratto in qualita' di soldati semplici e sergenti, impegnate nelle varie armi ed in ogni tipo di truppe, anche se il quantitativo maggiore di donne soldato nell'esercito russo lo si puo' riscontrare per cio' che riguarda le forze di terra, aeree e missilistiche, dove svolgono per lo piu' di attivita' di radiotelefoniste, segretarie ed infermiere.

I sociologi e gli psicologi sono convinti del fatto che l'orientamento delle donne, non solo in Russia, nei confronti della carriera militare sia un qualcosa di legittimo, dettato sia dalle effettive esigenze degli eserciti che dalla crescita dell'influenza femminile all'interno della societa'.

"Per cio' che riguarda piu' strettamente la Russia, tale situazione si e' venuta a creare anche a causa del fatto che negli ultimi tempi si e' congedata una moltitudine di giovani ufficiali ai quali non stava bene la loro condizione economica", sostiene a proposito il dottore di scienze pedagogiche nonche' colonnello Serghej Rykov.

Inoltre, a causa dell'insufficenza di reclute e soldati a contratto, si sono venuti a creare molti posti vacanti per cio' che riguarda mansioni che dovrebbero ricoprire sia sergenti che soldati semplici. E buona parte di questi posti vacanti sono stati ricoperti da donne impossibilitate per svariate ragioni a trovare un altro tipo di lavoro al fine di contribuire al bilancio familiare.

Perche' sempre piu' donne si arruolano nell'esercito russo?
A rafforzare questa tesi parlano i risultati di un recente sondaggio condotto tra le donne soldato che ha evidenziato il fatto che per il 54% non si tratta affatto di un fattore di vocazione, bensi' di un'esigenza di carattere economico. Il 53% delle donne soldato russe interpellate, per lo piu' sottufficiali, si e' dichiarato residente nelle varie cittadelle militari chiuse tuttora presenti in Russia. Tuttavia e' proprio questa la categoria di donne soldato piu' difesa in ambito sociale, dal momento che molte sono spostet ad ufficiali in grado di difenderle dai vari tipi di ingiustizie che regnano all'interno dell'esercito russo.

Invece, il contingente meno difeso e' quello rappresentato dalle donne sergenti e soldati semplici, circa il 40% del quale e' composto da donne divorziate, la maggior parte delle quali, come risultato dal sondaggio effettuato all'interno delle Forze armate russe, con 2-3 figli a carico. Si tratta di una categoria di donne alle quali va bene anche un lavoro poco retribuito che in ogni caso sono pronte a difendere a qualsiasi costo.

Nella Russia moderna non esiste nessuna legislazione in grado di stabilire la posizione giuridica delle donne soldato, regolata dalla legge "maschile" riguardante lo status di militare, e persino i rapporti tra uomini e donne militari non sono fissati nello statuto militare, cosa che in primo luogo e' il ministero della Difesa a non vedere di buon'occhio, dal momento che quando le donne con le stellette usufruiscono di diritti riguardanti famiglia, maternita' ed infanzia garantiti per legge, teoricamente a tali obblighi dovrebbero adempiere anche tutti gli altri militari.

Nonostante il fatto che si tratti di una situazione in grado di arrecare danno a qualsiasi caserma in cui prestino servizio donne soldato, e di conseguenza sia alla sicurezza militare che all'economia della Russia, il comitato della Difesa della Duma per il momento non ha nemmeno preso in considerazione il problema. "L'esercito ha problemi ben piu' seri a cui pensare - ha dichiarato a proposito il colonnello Tatiana Andreevna. - Se e quando ci saranno proposte concrete, le esamineremo".

Attualmente le donne inquadrate nell'esercito russo godono degli stessi privilegi delle loro colleghe civili, potendo contare su 140 giorni di sussidio completamente retribuito nella fase di gravidanza e un successivo periodo di tre anni parzialmente retribuito per badare al bambino. E per il resto sono soldati come i loro colleghi uomini.

| Ancora
5589