Pravda.ru

Russia

E' indispensabile fare del rublo una valuta convertibile?

13.05.2006
 
E' indispensabile fare del rublo una valuta convertibile?

Da un punto di vista prettamente tecnico, il passaggio del rublo a valuta liberamente convertibile e' abbastanza semplice. Al fine di rendere il rublo valuta liberamente convertibile, lo stato deve semplicemente eliminarne le limitazioni relative all'importazione e all'esportazione e il rublo di diritto diventa valuta convertibile. Affinche' cio' avvenga, il Ministero delle finanze e la Banca Centrale dovranno prendere in comune una serie di decisioni, e non c'e' ombra di dubbio sul fatto che per questi burocrati accordarsi non sara' affatto un problema.

Il ministro delle finanze Aleksej Kudrin ha recentemente dichiarato che dal 1 giugno, la Russia abolira' tutte le limitazioni nei confronti di movimenti di capitale straniero. Ma una conversione libera prevede l'annullamento di tutte le limitazioni per ogni tipo di valuta. Ecco perche' il franco svizzero, ad esempio, rappresenta un tipo di valuta liberamente convertibile e lo yuan cinese no, anche se va detto che a giudicare dagli indici cinesi, lo stato "insufficente" dello yuan non e' che rappresenti un problema.

Il fatto in se' di rappresentare un tipo di valuta convertibile, non e' che renda il rublo, il dollaro o l'euro piu' forte. Piu' che altro, tale fenomeno riflette in modo inequivocabile la stabilita' economica di una nazione, pronta a rispondere a qualsiasi sfida e a resistere ad ogni tipo di esperimento. Sarebbe ingenuo pensare che lo stato di valuta liberamente convertibile rappresenti una garanzia assoluta contro crisi e defaults. Cosa tra l'altro che non troppo tempo fa, verso la fine degli anni '90, la Corea del Sud ha ribadito nei confronti degli stati confinanti. Infatti la crisi finanziaria asiatica e' scoppiata proprio dopo che questi stati hanno seguito alla lettera i consigli da parte del Fondo valutario internazionale di liberalizzare le proprie valute.

Da parte sua, il presidente Putin nel suo messagio ha evidenziato non i segnali formali, bensi' la effettiva conversione. A questo fine, il rublo dovra' non solo venir utilizzato nei computi internazionali, ma altresi' dovra' divenire una delle riserve nella quale le banche centrali di altri stati custodiranno la propria valuta. La via piu' breve da intraprendere affinche' il nuovo status del rublo venga riconosciuto a livello internazionale, e' quella di organizzare sul territorio della Russia stessa il commercio in rubli di quelle merci che vengono esportate. Ed e' proprio quest'idea che Putin ha proposto.

E' indispensabile fare del rublo una valuta convertibile?
Ma il problema e' che raggiungere un tale scopo entro i tempi indicati e' praticamente irreale. Come hanno fatto notare alcuni esperti interpellati a proposito, la effettiva negoziazione della borsa dell'export in Russia sara' possibile, nella migliore delle ipotesi, a partire dal secondo semestre del prossimo anno.

Non va dimenticato pero' il fatto che il nuovo status del rublo accolla alla nostra valuta anche nuovi obblighi e nuove responsabilita' di tipo completamente diverso da quelle attuali. Va bene finche' i prezzi delle materie prime si mantengono su valutazioni elevate. Ma se per caso il prezzo del greggio crolla come e' gia' successo non solo una volta? Allora tocchera' acquistare i rubli dichiarati riscattabili in euro o in dollari, il che potra' provocare l'esaurimento immediato di tutte le riserve d'oro.

Ma problemi di vario tipo potranno sorgere anche senza crac simili. Ad esempio, come hanno evidenziato gli esperti, sulla borsa russa e' possibile realizzare, grazie a contratti d'esportazione, circa 75 milioni di tonnellate di petrolio russo. E molti analitici sono sicuri del fatto che la conversione libera nonche' il commercio del greggio in tali volumi in rubli, saranno fattori detrminanti per il rafforzamento del rublo e tutto cio' rendera' l'import decisamente piu' vantaggioso nei confronti della stessa produzione nazionale. In questo caso si materializza uno dei principali tormenti da parte del governo: le aziende nazionali operanti sul mercato interno, si riveleranno semplicemente non competitive ed il rublo liberamente convertibile fungera' da "becchino" dell'industria russa a dispetto degli sforzi intrapresi da Putin al fine di sviluppare l'economia nazionale.

L'unica categoria di cittadini russi che potra' trarre vantaggio dalla liberalizzazione del rublo, e' quella che dispone di grossi capitali. L'abolizione delle limitazioni nei confronti del movimento di capitale non significa solamente la liberta' d'investimento nei nostri confronti, bensi' anche il movimento in senso opposto. E sara' sufficente la comparsa di una nuvoletta all'orizzonte economico per far si' che tutta questa banda trasferisca tranquillamente i propri capitali all'estero.

E la Russia assieme alla sua gente si ritrovera' dove, l'avrete gia' capito. Evidentemente questo e' il nostro destino. Tutto cio' che viene pensato e fatto per il bene di tutti porta vantaggi solo a chi ha le tasche gia' piene.

Tratto da: Moskovskij Komsomoletz

| Ancora
5571