Pravda.ru

Russia

I russi bevono tre volte di piu' rispetto a 15 anni fa

11.04.2007
 
I russi bevono tre volte di piu' rispetto a 15 anni fa

Il direttore del servizio sanitario della Federazione Russa, Ghennadij Onischenko, ha reso noti lunedi' scorso i poco consolanti dati di un rapporto sull'abuso di bevande alcooliche in Russia, secondo il quale a partire dal 1990 il quantitativo annuo di alcool puro a 96 gradi assunto dai cittadini russi e' triplicato, passando da 5 ai 15 litri.

Nel rapporto diffuso lunedi' si legge inoltre che l'eta' media nella quale i giovani russi iniziano ad assumere bevande alcooliche e' scesa dai 16-18 ai 13-15 anni e che nel corso degli ultimi anni sul mercato nazionale un posto considerevole e' occupato dalle sostanze liquide contenenti alcool a cosiddetta "doppia designazione", come ad esempio lozioni da barba, profumi e sostanze chimiche ad uso quotidiano.

Inoltre, nel corso degli ultimi anni, di fronte ad un consistente aumento della produzione di bevande alcooliche a bassa gradazione, come ad esempio il gin tonic e la birra, i cui volumi di vendita nel 2006 sono aumentati rispettivamente di 6 e 3 volte, il volume complessivo di vendita della bevanda alcoolica per eccellenza in Russia, cioe' la vodka, non tende assolutamente a diminuire.

Secondo dati resi noti da parte del "Rospotrebnadzor", l'ente statale che si occupa del controllo e della difesa dei diritti consumatori in Russia, nel 2006 il volume complessivo di vendita di bevande alcooliche nel Paese e' stato pari a 1 miliardo e 200 milioni di decalitri, il 75% dei quali rappresentato da birra e gin tonic, il 16% da vodka, l'8% da vino e l'1% da cognac.

| Ancora
1830