Pravda.ru

Russia

Solzhenizyn: in Russia ci sono tutti i presupposti per una nuova rivoluzione

11.03.2007
 
Solzhenizyn: in Russia ci sono tutti i presupposti per una nuova rivoluzione

Secondo Aleksandr Solzhenizyn nella Russia attuale ci sono tutti i presupposti per una nuova rivoluzione. L'autore di "Arcipelago GULAG" e' giunto a tale conclusione sulla base di un attento paragone fra le condizioni politiche attuali e quelle venutesi a creare in Russia nel 1917, prima della Rivoluzione d'ottobre, quando la crisi sociale dell'epoca porto' lo Zar Nikolaj II ad abdicare, favorendo in questo modo la presa del potere da parte dei bolscevichi, i quali rovesciarono poi il governo menscevico guidato da Aleksandr Kerenskij.

Solzhenizyn si e' detto orrificato dallo stato di stagnazione in cui si trova attualmente lo sviluppo sociale in Russia, ed ha illustrato ad arte l'attuale situazione rifacendosi ad un articolo da lui stesso scritto 27 anni fa. "La cosa peggiore consiste nel fatto che a distanza di un quarto di secolo (dalla pubblicazione dell'articolo) alcune delle circostanze continuano ad essere presenti ed applicabili all'allarmante situazione odierna", ha scritto Solzhenizyn in qualita' di prefazione alla sua lettera storica che verra' prossimamente pubblicata sul quotidiano vicino al Cremlino "Rossijskaja Gazeta", con una tiratura non inferiore al mezzo milione di copie.

Nel corso di una conferenza stampa, Natalia, la moglie dell'ex dissidente, ha provveduto a rendere pubblica l'analisi di Solzhenizyn, asserendo che l'attuale classe dirigente russa deve assolutamente essere conscia di che tipo di problemi possono sorgere a causa del sempre piu' crescente divario di benessere tra le diverse classi sociali, nonche' della profonda spaccatura rappresentata dal contrasto fra lo sfarzo delle metropoli e la miseria della provincia. "Aleksandr Isajevic e' molto preoccupato da questo divario, al quale e' indispensabile prestare la massima attenzione. Se l'attuale governo continuera' ad ignorarlo, in futuro cio' portera' a conseguenze catastrofiche", ha sottolineato la moglie del premio Nobel per la letteratura.

E affinche' il messaggio venga effettivamente recepito da chi di dovere, l'articolo verra' pubblicato in qualita' di appello alla discussione dal titolo "Pensieri sulla Rivoluzione d'ottobre" ed indirizzato direttamente al capo di stato della Federazione Russa. Va detto che negli ultimi tempi l'ormai 88enne ex dissidente aveva raramente fatto parlare di se'. Solzhenizyn aveva sempre manifestato il proprio assenso alla linea politica intrapresa dal presidente Putin e dal governo russo, soprattutto per quanto riguarda la trasparenza della Russia sulla scena politica internazionale.

Ed e' proprio in questo quadro che la critica di Solzhenizyn nei confronti delle questioni interne appare particolarmente severa.

| Ancora
3054