Pravda.ru

Russia

A Mosca una sosia di Madonna?

10.09.2006
 
Pagine: 12
A Mosca una sosia di Madonna?

Il concerto che Madonna ha tenuto a Praga il 6 settembre non ha ottenuto il successo che si preventivava: nel palazzetto dello sport della capitale ceca che ha ospitato l'avvenimento infatti, sui 25.000 biglietti disponibili, ne sono stati venduti in tutto 17.000, nonostante il fatto che alla vigilia del concerto i bagarini proponessero i biglietti acquisiti in precedenza a soli 10 euro.

Secondo l'opinione di molti, la causa di tale scarso interesse nei confronti dell'avvenimento e' stata rappresentata dal sospetto da parte degli abitanti di Praga che al posto di Madonna si sarebbe esibita una sua sosia, sospetto consolidato dalle affermazioni risalenti ad un anno fa da parte dei mass-media americani, secondo i quali la vera Madonna non e' piu' in grado di esibirsi su di un palcoscenico.

Nel 2004 Elton John accuso' pubblicamente Madonna di esibirsi in pubblico esclusivamente grazie all'ausilio del "play-back", anche se a questo proposito va aggiunto che lo scontro verbale tra le due superstar della musica leggera mondiale si concluse praticamente con un nulla di fatto. Ma qualsiasi persona dotata di un minimo di buon senso non fa fatica a capire che e' praticamente impossibile cantare in modo impeccabile e contemporaneamente ballare in modo frenetico su di un qualsiasi palcoscenico.

Consierando inoltre il fatto che l'aspetto fisico di Madonna e' un aspetto abbastanza comune e che durante il suo ultimo concerto "Confessions" il pubblico viene tenuto a notevole distanza dal palcoscenico sul quale la pop-star si esibisce, teoricamente e' assai possibile che una sosia si possa esibire al suo posto senza per questo venire riconosciuta.

A Praga il comportamento di Madonna e' stato praticamente uguale a quello che e' intenzionata a tenere a Mosca; ha cioe' rifiutato qualsiasi contatto sia con la stampa che con le camere televisive ed inoltre i suoi spostamenti per la citta' sono stati tenuti nel piu' rigoroso segreto.

Come ha comunicato a "Pravda.ru" il portavoce del comitato organizzatore del concerto moscovita di Madonna, Anton Atrashkin, anche per cio' che riguarda la capitale russa Madonna e' intenzionata a rifiutare qualsiasi contatto con la stampa locale, ed inoltre verranno proibite le riprese televisive sia del suo arrivo a Mosca che della sua partenza verso la successiva tappa della tournee', il Giappone. Atrashkin ha inoltre comunicato che durante il concerto che Madonna terra' a Mosca il 12 settembre, solamente tre fotocorrispondenti avranno il diritto di accesso allo stadio "Luzhniki".

La versione secondo la quale tutto cio' avverra' per motivi di sicurezza, a dire il vero non e' che sia troppo convincente. Emerge piuttosto il sospetto, assai fondato, che gli organizzatori del concerto moscovita temano il contatto della cantante con la stampa per una sola, semplice ragione: che qualche giornalista esperto si possa accorgere, da qualche frase o dall'intonazione dei suoi discorsi, che di fronte non ci sia la leggendaria Maria Luisa Ciccone, bensi' una sua sosia che dopo averne legalmente preso il nome ed ottenuto relativo passaporto, adesso vada in giro per il mondo ad imbombonire i fan della diva, per di piu' in play-back.

E la cosa piu' interessante sta nel fatto che anche gli organizzatori del concerto moscovita di Madonna insistono nel non volere rilasciare alcuna conferenza stampa, probabilmente intimoriti dal fatto che i fan moscoviti della cantante, i quali hanno pagato ben piu' dei 10 euro di Praga per il tanto agognato biglietto, possano pretendere le prove dell'autenticita' di Madonna direttamente durante il concerto.

Se le cose stanno effettivamente cosi', allora ci si chiede: come mai Maria Luisa Ciccone, in arte Madonna, non e' partita per la sua tournee' mondiale? La risposta a questa domanda l'ha fornita il quotidiano americano "National Inquirer" gia' nell'aprile del 2005.

Ne viene fuori che l'attuale marito di Madonna, il regista cinematografico Guy Ritchie, a suo tempo presento' alla moglie i suoi amici, i fratelli Vachovskij, autori della saga "Matrix", i quali risultano essere fanatici delle idee del filosofo nonche' psicologo Stanislav Grof. I fratelli Vachovskij consigliarono allora a Madonna di sottoporsi ad un corso di terapie a base di LSD basati sulla metodica di Grof, al fine di passare attraverso tutte e quattro le fasi basilari perinatali.

Madonna diede loro retta e nel 2002 si sottopose al corso, ma durante la quarta fase, cioe' quella chiamata "morte-resurrezione", ebbe visioni mistiche il che sta a spiegare il suo inatteso ed improvviso interesse nei confronti del Kaballah, sorto subito dopo la quarta tappa del corso. Le sofferenze transpersonali che Madonna subi' durante i suoi "viaggi" causati dall'LSD, la spinsero anche a scrivere originali fiabe nelle quali la cantante impersonifico' la propria esperienza diretta di comunicazione con varie essenze durante i suoi periodi allucinogeni.

Pagine: 12
| Ancora
5405