Pravda.ru

Russia

Buon compleanno, signor Putin!

07.10.2006
 
Buon compleanno, signor Putin!

Vladimir Vladimirovic Putin nasce il 7 ottobre 1952 a Leningrado, l'attuale San Pietroburgo. Nel 1970 il futuro presidente della Russia si iscrive alla facolta' di giurisprudenza della prestigiosa universita' di Leningrado, e a partire dal 1975 entra a far parte del KGB, nel quale prestera' servizio sino al 1991, chiamato ad occuparsi di controspionaggio.

All'inizio Putin opera nel dipartimento estero dei servizi segreti, per poi venir trasferito a distanza di dieci anni nell'allora Germania dell'Est, piu' precisamente a Dresda, dove prosegue la sua attivita' di controspionaggio politico. Poco prima di essere trasferito nella ex DDR, Putin si sposa con l'attuale moglie Liudimila, di otto anni piu' giovane di lui, dalla quale avra' due figlie: Masha e Katia.

Una volta crollato il muro di Berlino, Putin fa rientro a Leningrado e l'esperienza trascorsa all'estero gli consente di diventare, per le questioni di politica estera, il braccio destro dell'allora sindaco di Leningrado, Anatolij Sobciak, il quale oltre ad adottare un programma di riforme radicali nel campo politico ed economico, promuove nel 1992 il referendum per restituire alla citta' il vecchio nome di San Pietroburgo. Durante questo periodo Putin diventa vicesindaco, ma la sua carriera politica si arresta improvvisamente a causa della sconfitta riportata da Sobciak alle elezioni del 1996.

All'atto pratico la debacle delle elezioni cittadine del 1996 a San Pietroburgo rappresentera' la chiave di volta della carriera politica di Putin, dal momento che poco dopo viene chiamato a Mosca dal giovane economista Anatolij Ciubais, il quale lo raccomanda all'allora presidente russo Boris Eltsin.

Ed e' proprio da questo momento che prende il via la vertiginosa scalata che col tempo portera' Putin sino al cuore del Cremlino: dapprima diventa vice del potente Pavel Borodin, gestore dell'impero dei beni immobiliari del Cremlino, per poi essere nominato capo del FSB, Servizio Federale di Sicurezza, il nuovo organismo che succede al Kgb. Putin ricoprira' tale incarico dal luglio 1998 all'agosto 1999 per poi diventare primo ministro nel governo di Eltsin, riscuotendo i favori della popolazione russa per la sua gestione della crisi cecena.

Il 31 dicembre 1999, a causa delle sue precarie condizioni di salute, Eltsin rassegna le dimissioni, affidando il mandato provvisorio a Putin, il quale vincendo poi le elezioni presidenziali tenutesi il 26 marzo 2000 con oltre il 50% delle preferenze, all'eta' di 48 anni e' divenuto a tutti gli effetti il secondo presidente della Federazione Russa. Rieletto alle presidenziali del 2004, il suo secondo mandato presidenziale scadra' nel marzo 2008.


| Ancora
3004