Pravda.ru

Russia

Il Consiglio per la sicurezza russo pronto ad elaborare una nuova dottrina militare per far fronte al rafforzamento della NATO

07.03.2007
 
Il Consiglio per la sicurezza russo pronto ad elaborare una nuova dottrina militare per far fronte al rafforzamento della NATO

Il servizio stampa del Consiglio per la sicurezza della Federazione Russa ha annunciato con una nota ufficiale diffusa lunedi' che la dottrina militare russa, approvata nel 2000, verra' rielaborata alla luce della situazione internazionale venutasi a creare e soprattutto del rafforzamento da parte della NATO.

Nella nota si legge che il progetto relativo alla nuova dottrina militare verra' elaborato "dall'apparato del Consiglio della sicurezza in stretta collaborazione con gli organi statali direttamente interessati, oltre che a tutta una serie di enti ed organizzazioni scientifiche".

"Nell'ambito della politica militare dei paesi leader mondiali si presta sempre piu' attenzione alla modernizzazione delle Forze armate nazionali e al perfezionamento della produzione militare. Vengono inoltre attivamente introdotti i piu' moderni mezzi di lotta armata, rivedute le tecnologie di utilizzo delle truppe, viene inoltre modificata la configurazione della presenza militare e si assiste ad un rafforzamento dei blocchi militari, in primo luogo da parte della NATO", si legge inoltre nella nota ufficiale.

"L'analisi della situazione internazionale venutasi a creare - prosegue la nota - testimonia che e' in aumento l'impiego della forza militare nella politica intrapresa da parte delle nazioni leader mondiali e che le Forze armate vengono utilizzate come sempre in qualita' di strumento primario per il raggiungimento di interessi sia politici che economici da parte di queste nazioni. Tali fattori non possono non venire considerati nel quadro della politica militare della Russia".

"I tempi di modernizzazione dei componenti dell'organizzazione militare dello stato dipendono dal livello di sviluppo dell'economia della Russia, soprattutto da quelli dell'apparato militare-industriale", sostiene il Consiglio per la sicurezza russo. "A seguito dell'approvazione dell'attuale dottrina militare avvenuta nel 2000, sono avvenuti radicali cambiamenti nel quadro geopolitico e politico-militare internazionale, cosiccome e' aumentato il livello di minaccia nei confronti della sicurezza dello stato russo, e la revisione della nostra dottrina militare dovra' dare una risposta a tutti questi attuali problemi", si legge inoltre nella nota ufficiale diffusa lunedi' dal Consiglio per la sicurezza della Federazione Russa.

Ricordiamo a questo proposito che il mese scorso il governo russo aveva varato un ambizioso programma di modernizzazione delle proprie Forze armate da attuarsi tra il 2007 ed il 2015, stanziando complessivamente circa 5 trilioni di rubli, al cambio 144 bilioni di euro.

| Ancora
3043