Pravda.ru

Russia

La Russia ritiene provocatorio il disegno di legge estone atto a proibire l'utilizzo e la diffusione in pubblico di emblemi sovietici

04.12.2006
 
La Russia ritiene provocatorio il disegno di legge estone atto a proibire l'utilizzo e la diffusione in pubblico di emblemi sovietici

La proposta da parte del governo dell'Estonia al parlamento nazionale relativa al disegno di legge atto a proibire l'utilizzo e la diffusione in pubblico di emblemi sovietici, che in questo modo vengono parificati a quelli nazisti, ha suscitato in Russia una vera e propria ondata d'indignazione. Questo e' quanto ha dichiarato a proposito il portavoce ufficiale del ministero degli Esteri della Federazione Russa Mihail Kamykin.

In questo modo le autorita' estoni continuano ad intraprendere sacrilegi tentativi di riscrivere la storia e a mettere sullo stesso piano i crimini nazisti con le imprese del popolo sovietico, il quale ha apportato un contributo fondamentale nella liberazione dell'Europa dal fascismo, ha sottolineato Kamykin. "Con grande rammarico notiamo che negli ultimi tempi le autorita' estoni ricorrono insistentemente ad intraprendere passi di carattere provocatorio e privi di logica atti solamente a inasprire i nostri rapporti bilaterali", ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri russo.


Ricordiamo che il 30 novembre il governo estone ha dapprima approvato e successivamente trasmesso al parlamento il progetto di legge che prevede la totale proibizione di utilizzo e diffusione in pubblico di emblemi "delle nazioni occupanti". Nel progetto di legge si parla di responsabilita' penale in caso di utilizzo in pubblico di emblemi dei regimi di occupazione sovietico e nazista con un periodo di reclusione fino a tre anni o con una sanzione economica pari a 3200 euro.


Se le modifiche gia' approvate dal governo estone verranno ratificate dal parlamento, in Estonia verranno quindi a trovarsi "fuorilegge" anche i molti monumenti eretti alla memoria dei soldati sovietici caduti sui campi di battaglia per la liberazione dello stato baltico dall'occupazione hitleriana. A questo proposito va detto che emblemi sia sovietici che nazisti vengono attivamente utilizzati negli ultimi tempi in Estonia soprattutto dalle forze radicali nell'ambito della loro battaglia politica.

| Ancora
2412