Pravda.ru

Italia

Ogni anno 25 mila decessi associati al consumo di alcol

14.04.2007
 

Ogni anno in Italia circa 25 mila decessi sono associati all'alcol e riguardano piu' di 17 mila uomini e circa 7 mila donne. Il dato e' emerso nel corso del workshop promosso dall'Istituto Superiore di Sanita' in occasione dell'"Alcohol Prevention Day". Il tasso di mortalita' legato all'alcol e' di 35 decessi su 100 mila abitanti per i maschi e di 8,4% decessi su 100 mila abitanti per le donne.

Circa il 10% dei decessi registrati sono da ritenersi, secondo gli esperti, decessi prematuri causati dall'alcol (l'11% tra i maschi e il 5,2% tra le donne). Le condizioni che presentano la piu' elevata frequenza di mortali' alcol-attribuibile sono la cirrosi epatica e gli incidenti. Per i decessi da cirrosi epatica il 47,7% per i maschi e il 40,7% per le donne sono attribuibili all'alcol; analogamente, il 26,35% e l'11,4% di tutti i decessi che riconoscono la causa di morte in un incidente sono alcol correlati.

Attribuibile all'alcol anche il 5,31% di tutti i tumori maligni maschili e il 3,01% di quelli femminili. Dagli studi del Centro Oms per la ricerca sull'alcol dell'Istituto Superiore di Sanita' appare che gli italiani stanno abbandonando il cosiddetto 'stile mediterraneo del bere', cioe' il consumo, in particolare di vino, durante i pasti. Lo 'stile mediterraneo' e' rispettato dalle donne e dagli anziani e da meno del 50% dei maschi adulti. Il 70% delle donne assume a modello del bere quello tradizionale, legato ai pasti. Coloro che bevono lontano dai pasti sono soprattutto i giovani, in particolare tra i 18 e i 24 anni.

Fonte: www.canisciolti.info

| Ancora
1671